Questo sito utilizza i cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Politica sui cookie. Se per te va bene, continua a navigare. x
Accesso richiesto
Attenzione

Per accedere a quest’area è necessario effettuare la login al portale dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia.

Buona navigazione.

31 Gen 2018

Attività per il recepimento del Regolamento Edilizio Tipo Statale
RICOGNIZIONE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA EDILIZIA

Si chiede agli iscritti di prenderne visione e di fare avere osservazioni e/o proposte eventuali all’Ordine all’indirizzo organizzazione@ordineingegneri.bs.it in merito ai documenti di cui di seguito, entro 10 febbraio p.v.

a) Indice del regolamento edilizio tipo, contenente, nella prima parte, i principi generali e la disciplina generale dell'attività edilizia, mentre nella seconda parte le disposizioni regolamentari comunali in materia edilizia;

b) Definizioni Tecniche Uniformi contenenti i parametri urbanistici ed edilizi da applicare.

Si specifica che i documenti sono stati predisposti all'incontro sulla Rigenerazione Urbana tra CROIL e Regione Lombardia, per il recepimento del Regolamento Edilizio Tipo statale, facendo seguito al tavolo ANCI e alcuni Comuni.
Al riguardo, si ricorda che l’Intesa concernente l’adozione del regolamento edilizio-tipo, sancita in Conferenza Unificata in data 20 ottobre 2016, assegnava alle Regioni centottanta giorni per l’emanazione del proprio atto di recepimento, prodromico all’adeguamento finale ad opera dei Comuni. Tuttavia, il medesimo art. 2 dell’Intesa, recante "Modalità e termini di attuazione", dispone che in presenza di "norme regionali che prevedono termini perentori entri i quali i Comuni sono tenuti ad adeguare i propri strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica ai contenuti delle normative regionali, il recepimento comunale dello schema di regolamento edilizio tipo e relativi allegati avviene entro il medesimo termine."
Per effetto di questa disposizione, a suo tempo espressamente richiesta da Regione Lombardia, nella nostra Regione l’adeguamento dei regolamenti edilizi comunali potrà avvenire in parallelo e secondo la medesima tempistica dell'approvazione della variante  di adeguamento alla l.r. 31/14 oppure in alternativa in occasione della prima variante urbanistica generale.