Questo sito utilizza i cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra Politica sui cookie. Se per te va bene, continua a navigare. x
Accesso richiesto
Attenzione

Per accedere a quest’area è necessario effettuare la login al portale dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia.

Buona navigazione.

Offerta formativa dell’ordine

In quest’area sono presenti tutti gli eventi formativi a cui gli ingegneri possono partecipare.
Utilizza i filtri per trovare facilmente i corsi di tuo interesse.

05

Settembre

14:30 - 18:30 

16 crediti
16 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 20 Apr 2017 - 05 Set 2017
Corso avanzato Q-Gis
PRESENTAZIONE: La Commissione Idraulica dell’Ordine ha organizzato due corsi sul Q-GIS, uno base ed uno avanzato. I corsi sono strutturati sulla base di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche guidate, durante le quali i partecipanti avranno modo di operare direttamente sul software ai fini di ottenere un miglior apprendimento. I contenuti del corso saranno adeguati alle reali problematiche del cliente che potrà portare i propri dati sui cui esercitarsi, con la finalità di rendere più chiare ed esaustive le esercitazioni pratiche, calzate su realtà note e specifiche. A ciascun partecipante sarà fornito del materiale didattico aggiornato e relativo agli argomenti trattati. lI corso fornisce le conoscenze necessarie per l'utilizzo di QGIS partendo dal caricamento dei dati raster vettoriali, la stilizzazione e la realizzazione di elaborati cartografici. Durante le lezioni verranno illustrate anche operazioni più avanzate come l'accesso a sorgenti dati tipo WMS e Database SQLlitee l'utilizzo di Plugin esterni.
+ leggi tutto

06

Settembre

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

corso di aggiornamento

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 04 Lug 2017 - 04 Set 2017
Aggiornamento ASPP/RSPP: Valutazione della esposizione a sostanze cancerogene
valido per l’aggiornamento ASPP/RSPP

PROGRAMMA

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti
Presentazione e saluti
Ing. Simoni – Coordinatore Commissione Sicurezza Luoghi di lavoro
Ore 14.30 Inizio lavori
– Principali sostanze cancerogene presenti nei cicli produttivi bresciani
– Classificazione delle sostanze cancerogene
– Informazioni utili da reperire per la valutazione della esposizione
– Metodiche di valutazione qualitative e quantitative dell’esposizione a sostanze cancerogene
– Uso dei dati di rilevazione ambientale e di monitoraggio biologico per la valutazione
– Valori limite e confronto con i valori di esposizione professionali e della popolazione in generale
– Esempio di valutazione in settori industriali bresciani
– Valutazione apprendimento
Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

08

Settembre

14:30 - 18:30 

16 crediti
16 ore

corso

sede dell'Ordine degli Ingegneri della provincia di Brescia - Via Cefalonia, 70 (11° piano Crystal Palace) Iscrizioni: 14 Giu 2017 - 06 Set 2017
IL RISK MANAGEMENT: La gestione del rischio in un'azienda idrica
PRESENTAZIONE
Il risk management è uno strumento per fornire una ragionevole sicurezza sul raggiungimento degli obiettivi.

L’obiettivo didattico del corso è la sperimentazione delle fasi del processo di Enterprise Risk Management su un CASO PRATICO DI UN’AZIENDA IDRICA. La sperimentazione è utile sia per acquisire competenze sulle modalità di svolgimento del processo, sia per poter valutare come mettere a frutto, nel miglior modo possibile, le competenze già possedute. Ciascun modulo tratterà una specifica fase del processo di Enterprise Risk Management.

METODOLOGIA DIDATTICA
Il percorso si sviluppa attraverso 4 moduli da 4 ore ciascuno; i partecipanti prenderanno attivamente parte alle sessioni formative attraverso la compilazione di fogli di lavoro e la condivisione di esempi predisposti dal relatore appositamente per l’evento formativo. Segue programma dettagliato.

PROGRAMMA
1° MODULO - 08/09/2017 - IDENTIFICAZIONE ED ANALISI
I partecipanti verranno divisi in gruppi di lavoro che, sulla base di un caso pratico fornito, ovviamente non identificabile e con l’ausilio del docente, provvederanno, sulla base delle risorse disponibili, ad identificare, spiegare e sintetizzare i rischi a cui è esposta l’azienda. Per rendere lo svolgimento dell’esercitazione più efficace, verranno fornite a) le metodologie per svolgere l’analisi, b) questionari per facilitare l’analisi di rischi di base, c) format per predisporre un report di analisi e d) format per predisporre un report di sintesi.
2° MODULO - 15/09/2017 - MISURAZIONE
Partendo dallo stesso caso pratico su cui è stato effettuato l’assessment, si svilupperanno tecniche di misurazione, come il VAR (Value at Risk), il MPL (Maximum Possible Loss) e Scenario analysis. Verrà fatto un approfondimento sui vantaggi e limiti di ciascun metodo. Verrà fatta un’esercitazione in Excel sul VAR. I gruppi di lavoro provvederanno ad applicare le tecniche illustrate al lavoro svolto nella precedente giornata.
3° MODULO - 22/09/2017 -TRASFERIMENTO E CONTROLLI
Verranno approfondite le modalità di trattamento del rischio, quindi la prevenzione, la riduzione e il trasferimento contrattuale, assicurativo e/o finanziario, i controlli ed inoltre verrà approfondito il concetto di Risk Appetite e Risk Capacity. I gruppi applicheranno le tecniche al lavoro svolto nelle giornate precedenti.
4° MODULO - 29/09/2017 - REPORTING
I gruppi di lavoro faranno la sintesi dei Top Risk cui l’azienda è esposta, raggiungeranno una visione unica aziendale e simuleranno una presentazione al Top Management.
+ leggi tutto

12

Settembre

16:30 - 18:30 

2 crediti
2 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 24 Lug 2017 - 11 Set 2017
LE VALUTAZIONI DEI BENI IMMOBILI - Casi e rilevanza della nullità e dell'annulabilità degli atti di compravendita
PRESENTAZIONE
Nell'ambito delle valutazioni dei beni immobili e delle Consulenze Tecniche D'Ufficio e Consulenze Tecniche di Parte, molto spesso l'ingegnere si trova a dover leggere ed analizzare gli atti di compravendita.

Il seminario consentirà un'analisi delle principali situazioni in cui un atto può essere ritenuto nullo o annullabile ed offrirà la possibilità di comprendere le condizioni di trasferimento della proprietà immobiliare o degli altri diritti reali immobiliari.

PROGRAMMA
Ore 16.00 Registrazione dei partecipanti

Ore 16.30 Saluti ed inizio lavori

Ing. Ippolita Chiarolini (Consigliere e Coordinatrice della Commissione ingegneria economico-estimativa)

Introduzione argomento del seminario - Ing. Maria Grazia Cerchia – Segretario Commissione ingegneria economico-estimativa

Notaio Elena Peperoni - Notaio, componente Consiglio Notarile di Brescia

Ore 18.00 Quesiti

Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

13

Settembre

14:30 - 17:30 

3 crediti
3 ore

seminario

La sede dell'Ordine Iscrizioni: 28 Giu 2017 - 12 Set 2017
IL DESIGN INDUSTRIALE: PROFILI TECNICO-GIURIDICI, STRUMENTI DI TUTELA E MODALITÀ DI SFRUTTAMENTO
INTRODUZIONE
Il Seminario è la quarta tappa del “Percorso formativo in Proprietà Industriale ed Intellettuale -anno 2017”, riproposizione del Seminario già tenuto nel 2016 è alla sua seconda edizione.
Accanto alla tradizionale tutela delle innovazioni conferita dai brevetti per invenzione e dai modelli di utilità, assume un ruolo di sempre maggiore rilievo la tutela dell’estetica di un prodotto. Il seminario si propone di dare una visione generale degli strumenti di tutela messi a disposizione dalla normativa vigente, in Italia e all’estero, di sottolineare analogie e differenze con gli altri strumenti di tutela e di accennare ad alcune tipiche problematiche legali connesse alla materia.

PROGRAMMA

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti

Ore 14.30 Inizio lavori
A cura dell’ing. Gianluca Pulieri di Jacobacci & Partners S.p.A.
- La Proprietà Intellettuale e gli strumenti di tutela del design
- I modelli registrati per l’Italia
- Convenzioni sovranazionali: Modello Comunitario e Modello Internazionale
- Cenni sul Diritto d’Autore, sul marchio di forma e sulla concorrenza sleale
- La titolarità dei diritti
- Gli strumenti di circolazione dei diritti
- Gli strumenti di tutela giudiziaria

Ore 17.30 Fine lavori
+ leggi tutto

13

Settembre

14:30 - 18:30 

8 crediti
8 ore

corso

sede dell'Ordine Iscrizioni: 17 Lug 2017 - 13 Set 2017
TECNOLOGIE DI RESTAURO E RISANAMENTO DEGLI INTONACI DEGRADATI IN AMBIENTE UMIDO
INTRODUZIONE
Fin dall’antichità il problema del deterioramento dei rivestimenti è stato preso in grande considerazione. Tuttavia, se tanto si è fatto nella comprensione delle cause del degrado e delle tecniche di ripristino, non altrettanto si può dire per lo studio materico del risanamento. Il corso vuole affrontare questa lacuna presentando l’avanzamento scientifico proposto da vari organismi di ricerca dando massimo risalto sia ai riscontri ottenuti in laboratorio che ai casi reali.
Il programma è suddiviso in due pomeriggi: il primo è dedicato alla conoscenza dei materiali storici e al loro degrado per concludere con un accenno alle nuove tecnologie nano-composite che verranno più approfonditamente descritte nella seconda giornata di lavoro in cui verranno anche illustrate esperienze reali su edifici storici nel veneziano.

MODULO 1: 13 settembre 2017, 14:30-18:30

Ore 14.00 Rilevazione presenze e saluti
Ore 14.30 Inizio lavori

? Definizione di intonaco, classificazione e composizione;
? Gli intonaci veneziani e l’approccio architettonico;
? Fisica delle murature, fattori di degrado e degrado chimico fisico;
? La condensa superficiale ed interstiziale: metodi di progettazione e verifica;
? Esperienza empirica e ricerca scientifica come guida nel restauro del degrado per umidità: i leganti nano-compositi nel contesto storico.

Ore 18.30 Fine lavori

MODULO 2: 20 settembre 2017, 14:30-18:30

Ore 14.00 Rilevazione presenze e saluti
Ore 14.30 Inizio lavori

? Ricerca scientifica, storicità e filologia del progetto: un rapporto di sobrietà;
? Il cantiere: pregiudizi, praticità ed economia;
? Lettura dello stato dei luoghi: visiva, materica e strumentale;
? Il progetto di risanamento: parametri di riferimento al progetto;
? Tecniche di risanamento: materico, ambientale;
? Esempi pratici di risanamento e restauro;
? Dibattito

Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

14

Settembre

09:00 - 13:00 

16 crediti
16 ore

corso di aggiornamento

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 04 Lug 2017 - 12 Set 2017
Aggiornamento ASPP/RSPP: Documentazione tecnica - come redigere manuali, relazioni, report nel modo più efficace e professionale (corso pratico)
Valido per l'aggiornamento ASPP/RSPP

PRESENTAZIONE
In un contesto in continua evoluzione, un tema centrale è quello delle informazioni tecniche: dalle relazioni sulla Valutazione dei Rischi a quelle del Fascicolo Tecnico, dalle relazioni tecniche alle informazioni post-vendita. Quando si sviluppa questo tipo di informazioni si tende a scrivere senza mettersi nei panni del lettore finale. Il ruolo degli ingegneri è importante non solo per redigere tout court le informazioni, ma anche per valutare se sono effettivamente conformi ai requisiti, se sono corrette, complete e soprattutto facilmente leggibili.
Il Linguaggio Tecnico Semplificato® apre una nuova frontiera per elaborare documenti che siano davvero un efficace strumento di lavoro. Il tutto anche con una significativa riduzione dei tempi di scrittura e del time to market, senza dimenticare i vantaggi anche in termini di diminuzione dei costi di traduzione multilingua.
Il corso si presenta in modalità full immersion, articolato su due giornate di otto ore. I relatori adotteranno una forma didattica attiva, volta a massimizzare il coinvolgimento dei partecipanti. A fianco di una parte teorica sono previste esercitazioni pratiche, nelle quali i partecipanti potranno progettare la struttura di un documento tecnico con lo sviluppo di alcune parti di testo.

PROGRAMMA
PRIMA GIORNATA – GIOVEDI' 14 SETTEMBRE
Ore 08.30 Registrazione partecipanti
Ore 09.00 alle 13.00
? Confronto con i partecipanti per individuare i desiderata e il loro stato dell'arte.
? Direttive e norme di prodotto: l'importanza di conoscere e applicare le indicazioni riportate per elaborare testi tecnici conformi.
? Linguaggio Tecnico Semplificato: come strutturare le frasi con i principi del Linguaggio Controllato (1a parte)
Ore 14.00 alle 18.00
? Linguaggio Tecnico Semplificato: come strutturare le frasi con i principi del Linguaggio Controllato (2a parte)
? Progettazione 3D: i vantaggi ottenibili nei testi tecnici con i dati nativi di progetto.
? Un'illustrazione vale più di mille parole.
? Linguaggio testuale e grafico: come applicare il principio di comunicazione Vedere- Pensare-Usare.

SECONDA GIORNATA – MARTEDì 19 SETTEMBRE
Ore 08.30 Registrazione partecipanti
Ore 09.00 alle 13.00
? Metodi e principi di redazione: progettare la scaletta degli argomenti
? Esercitazioni pratiche per applicare le teorie di scrittura (1a parte)
Ore 14.00 alle 18.00
? Esercitazioni pratiche per applicare le teorie di scrittura (2a parte)
? Confronto con i partecipanti per rivedere i punti che necessitano di chiarimenti specifici.

+ leggi tutto

15

Settembre

14:30 - 18:00 

3 crediti
3 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 27 Giu 2017 - 14 Set 2017
POSA E COLLAUDO FOGNATURA SECONDO NORMA UNI EN 1610
PRESENTAZIONE:
La presente norma europea è applicabile all'installazione e al collaudo delle connessioni di scarico e dei collettori di fognatura generalmente interrati nel sottosuolo e che solitamente funzionano a gravita.
Quando si realizza un opera fognaria, il buon esito dell’opera eseguita, si realizza con operazione di collaudo che garantisce la tenuta dei componenti della fognatura a gravità garantendo un sistema di scarico che non inquini il terreno e le eventuali falde acquifere.


PROGRAMMA DEL SEMINARIO

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti

Ore 14.30 Inizio Lavori

Introduzione alle problematiche relative alle reti fognarie (Ing. Roberto Perrotti)
Normativa UNI EN 1610 relativa alla posa e collaudo delle tubazioni in fognatura a gravità, Illustrazione della norma e descrizione sui metodi di posa corretta dei tubi, come eseguire un collauda delle tubazioni con il metodo ad aria o ad acqua per il controllo ottimale del lavoro garantendo la tenuta per evitare inquinamento del suolo o infiltrazioni di acque che nuocciono al depuratore.

Coffe break

Gamma, caratteristiche e norme di riferimento per una scelta di tubazioni in gravità di materiali diversi
(P.I. Roberto Cani)
Illustrazione gamma tubazioni presenti sul mercato di vario materiale per fognatura (acque bianche e nere) con riferimento alle normativa riferita al materiale, lettura e significati della marcatura del tubo, scelta della tipologia di tubo in funzione dell’utilizzo

Dibattito

Ore 18.00 Fine lavori
+ leggi tutto

15

Settembre

14:30 - 18:30 

16 crediti
16 ore

corso

Sede dell’Ordine Iscrizioni: 19 Lug 2017 - 15 Set 2017
NANOTECNOLOGIE: ENERGIA, AMBIENTE, SALUTE
PRESENTAZIONE
Le nanotecnologie rappresentano una delle frontiere della scienza applicata e, per il loro carattere fortemente interdisciplinare, coinvolgono competenze nel campo della fisica, della chimica, della biologia, dell’ingegneria e della medicina. Sul versante industriale, le nanotecnologie sono ritenute dall’Europa, e dalle altre principali economie mondiali, fondamentali per sostenere i processi di innovazione e di sviluppo e favorire la competitività dell’industria manifatturiera, poiché consentono la realizzazione di prodotti e processi migliorati o del tutto innovativi ad alto valore aggiunto.
In generale le nanotecnologie si occupano del controllo della materia su una scala dimensionale tra 1 e 100 nanometri e della progettazione e realizzazione di dispositivi su tale scala secondo un approccio bottom-up (dal basso verso l'alto) in cui i materiali e i dispositivi sono realizzati partendo da componenti molecolari che si auto-assemblano tramite legami chimici, sfruttando principi di riconoscimento molecolare; oppure secondo un approccio top-down (dall'alto verso il basso) in cui i dispositivi sono fabbricati da materiali macroscopici attraverso un attento controllo dei processi di miniaturizzazione a livello atomico. L’obiettivo di questo corso è quello di presentare i fondamenti delle nanotecnologie e una serie di applicazioni nel campo dell’energia, dell’ambiente e della salute e di fornire chiavi di lettura e prospettive per seguire l’evoluzione della disciplina. Durante il corso saranno proposte lezioni articolate in quattro ambiti: Fondamenti e prospettive, Energia e Fotonica, Salute e Medicina, Ambiente.

PROGRAMMA: Il percorso si sviluppa attraverso 4 sessioni da 4 ore ciascuna (rilevazione presenze dalle ore 14.00).

1° SESSIONE VENERDI’ 15 SETTEMBRE 2017 ORE 14.30 – 18.30
Introduzione alle nanotecnologie. Fabbricazione e caratterizzazione. Superfici, Interfacce, nanostrutture. Dai fullereni al grafene.

2° SESSIONE VENERDI’ 22 SETTEMBRE 2017 ORE 14.30 – 18.30
Applicazioni nell’ambito fotovoltaico ed energetico. Nanofarmaci. Ottica ultraveloce in materiali a ridotta dimensionalità.

3° SESSIONE VENERDI’ 29 SETTEMBRE 2017 ORE 14.30 – 18.30
Umani e Umanoidi. Nanomedicina. Materiali nanostrutturati ed energie alternative.

4° SESSIONE VENERDI’ 6 OTTOBRE 2017 ORE 14.30 – 18.30
Smart materials per la sensoristica di inquinanti in aria e acqua. Nanometrologia meccanica.

+ leggi tutto

18

Settembre

16:30 - 18:30 

2 crediti
2 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 26 Lug 2017 - 17 Set 2017
IMPLICAZIONI CIVILI, AMMINISTRATIVE, DEONTOLOGICHE E PENALI DELLA PERIZIA PER IL PROFESSIONISTA ED IL REQUISITO DI TERZIETÀ - La responsabilità per la perizia giurata per le agevolazioni fiscali del piano industria 4.0
PRESENTAZIONE
Scopo del seminario è presentare il ventaglio di responsabilità che possono essere imputate al professionista che redige un elaborato peritale di contenuto errato e/o non veritiero. Dopo un inquadramento generale sulle implicazioni dell’asseverazione e del giuramento di una perizia, ci si concentrerà sulla responsabilità dell’ingegnere e del perito industriale che sottoscrive la “perizia tecnica giurata”, necessaria per gli investimenti in beni di costo superiore ad euro 500.000 per beneficiare della principale agevolazione fiscale connessa al Piano nazionale Industria 4.0: gli iper-ammortamenti su beni strumentali. Verranno esaminate le implicazioni di natura civile, penale, deontologica ed erariale, con riferimento alle fonti normative nonché alla giurisprudenza in materia, che trovino applicazione per analogia ad una fattispecie assolutamente inedita nel panorama italiano. Infine verrà approfondito il requisito imposto al professionista di “terzietà” rispetto ai produttori e/o fornitori dei beni strumentali oggetto della perizia.

PROGRAMMA DEL SEMINARIO

Ore 16.00 Rilevazione presenze
Ore 16.30 Inizio lavori
- La perizia asseverata e la perizia giurata: il diverso valore dei due istituti legali
- Panoramica delle responsabilità del professionista in caso di perizia errata e/o non veritiera
- La responsabilità civile: il criterio di imputazione della responsabilità ed il risarcimento del danno
- La responsabilità penale: gli elementi integranti la fattispecie criminosa e la truffa aggravata nei confronti dell’erario
- La responsabilità deontologica nel Codice Deontologico degli Ingegneri
- La responsabilità amministrativa erariale ed i casi in cui potrebbe sussistere
- Il requisito di “terzietà” nella redazione della perizia.
Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

20

Settembre

14:30 - 17:30 

3 crediti
3 ore

seminario

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA Iscrizioni: 24 Lug 2017 - 19 Set 2017
ETICA E CONSUMO DEL SUOLO - Le responsabilità personale e professionale

14.00 Iscrizioni
14.30 Saluti ed introduzione
Anna Richiedei – Università degli Studi di Brescia (DICATAM), CePSU
Relazione
Il consumo di suolo in Italia
Michele Munafò - ISPRA
Tavola Rotonda
L’importanza di un approccio ecologico
Antonella Bachiorri – Università di Parma, Centro di Etica Ambientale di Parma
Il consumo di suolo: una nota etica
Simone Morandini – Fondazione Lanza, Coordinatore Progetto Etica, Filosofia e Teologi
Il rapporto città-campagna
Massimo Galbiati, Università degli Studi di Milano (Angela Galasso, AiCARE)
Dalla norma alle pratiche professionali ed amministrative
Matteo Mascia – Fondazione Lanza, Coordinatore Progetto Etica e Politiche Ambientali
Dibattito/Conclusioni
Maurizio Tira – Università degli Studi di Brescia (DICATAM)
17.30 Conclusione dei lavori
+ leggi tutto

27

Settembre

09:00 - 13:00 

8 crediti
8 ore

corso

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 05 Lug 2017 - 27 Set 2017
LA COMUNICAZIONE E LA GESTIONE DELLA RELAZIONE CON IL CLIENTE
PRESENTAZIONE
Acquisire un cliente è un’attività alquanto impegnativa e il professionista, così come ogni azienda, è nella condizione di dover dimostrare il proprio valore: ecco che saper gestire la comunicazione e sostenere la professionalità con il cliente diventa una capacità in grado di fare la differenza, anche nel medio periodo. Dare le informazioni giuste, in un linguaggio comprensibile al cliente, garantisce maggior successo commerciale e il riconoscimento della reale professionalità dell’Ingegnere. Questi aspetti devono trovare il corretto equilibrio con il necessario onorario.
Il passaggio è particolarmente delicato in ogni transazione, specialmente per gli Ingegneri che chiamati a realizzare servizi e progettazione. Il seminario risponde in maniera pratica all’esigenza di migliorare questi passaggi elaborando metodologie per proporre in modo corretto il valore della prestazione erogata. Infine viene proposto un approfondimento sul tema del credito e delle modalità migliori per gestire i termini di pagamento e il recupero di situazioni incagliate. Attraverso alcune esercitazioni in piccoli gruppi vengono testate e simulate alcune interessanti dinamiche quotidianamente riscontrabili nel rapporto con il cliente, mettendo in pratica le nozioni condivise per poterle applicare autonomamente, subito dopo il seminario.

ORARI DEL CORSO
Ore 08.30 Registrazione dei partecipanti e saluti
Ore 09.00 Inizio lavori

- Quadro del mercato: il fatturato medio negli studi tecnici, professionisti associati, eccetera con andamenti e osservazioni desumibili anche dai dati congiunturali sull’edilizia e ristrutturazione. Valutazioni qualitative sulla concorrenza e prime indicazioni sull’orientamento strategico dell’attività professionale.
- Come i clienti effettuano la scelta del professionista: approfondimento delle leve decisionali e della prassi utilizzata dai clienti nella valutazione del professionista e nella decisione di acquisto. Identificazione delle attività che il professionista può mettere in campo per incidere sulle leve decisionali del cliente. Come orientare la scelta del cliente che dispone di una ampia scelta di opzioni (dal Geometra all’Architetto, agli studi di ingegneria fino al professionista autonomo). Gli elementi pratici della comunicazione con i clienti.

Ore 13.00 Pausa pranzo
Ore 14.00 Ripresa lavori
- La presentazione efficace dello studio e del professionista. Innescare un’immagine positiva nel cliente. Esercitazione.
- Gestire situazioni complesse con il clienti: dopo aver convinto il cliente sulle motivazioni all’acquisto, è necessario affrontare il tema dell’onorario e dei termini di pagamento. In questa fase vengono presentati i meccanismi per riconoscere il momento adatto per parlare di prezzo, le varie tecniche che è possibile utilizzare evidenziandone gli aspetti positivi e negativi. Esercitazione sulla presentazione del prezzo e verifica della sua efficacia.
- Gestione e controllo del credito: viene affrontato il tema critico dei ritardi di pagamento. In particolare quali possono essere le misure preventive per evitare di rincorrere i clienti e come aumentare la possibilità del recupero del credito in caso di situazioni complesse di relazione con il cliente.
- Test finale di apprendimento e conclusioni.
Ore 18.00 Fine lavori
+ leggi tutto

28

Settembre

09:00 - 13:00 

8 crediti
8 ore

corso

La sede dell'Ordine Iscrizioni: 28 Giu 2017 - 28 Set 2017
CLOUD SECURITY AND CONTRACTING: PRINCIPI BASE LEGATI ALLA SICUREZZA DEI SERVIZI CLOUD, CLAUSOLE CONTRATTUALI STANDARD E BEST PRACTICES IN OTTICA SECURITY & COMPLIANCE
PRESENTAZIONE
Obbiettivi di questo corso sono difendersi adeguatamente dagli attacchi, comprendendo le tecniche di hacking Nel corso vengono individuati i principi base legati alla Sicurezza dei Servizi Cloud. Vengono inoltre descritte le relative clausole contrattuali standard, e definite le best practices in ottica Security & Compliance.
Il corso è rivolto a personale con elevate responsabilità decisionali, anche senza una specifica preparazione e conoscenza della materia informatica, e con una comprensione ad alto livello della giurisprudenza. Non sono richieste conoscenze pregresse specifiche. Al termine del corso si avrà una buona competenza delle principali minacce correlate all’utilizzo del Cloud. Verranno quindi individuate le clausole contrattuali più adeguate e gli standard de facto, con particolare riferimento al contenimento dei rischi ed al rispetto delle normative vigenti.

PROGRAMMA

Ore 08.30 Registrazione dei partecipanti e saluti

Ore 09.00 Inizio lavori - CLOUD CONTRACTING

Utilizzo del Cloud in ambito privato e professionale
Tipologie principali di Cloud
Cloud Clauses
Cloud Profiles
Clausole contrattuali standard
Valutazione di un contratto in termini di adeguatezza

Ore 13.00 Pausa pranzo

Ore 14:00 Ripresa lavori - CLOUD SECURITY
Rischi e minacce del Cloud
La Sicurezza del Cloud
Best practices
Valutazione di un contratto in termini di Security e di Compliance

Conclusioni e test
Ore 18.00 Fine lavori
+ leggi tutto

28

Settembre

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

seminario di aggiornamento

sede Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia (Via Cefalonia, 70 - 25124 Brescia) Iscrizioni: 29 Mag 2017 - 27 Set 2017
Aggiornamento CSP-CSE: La nuova organizzazione dell'ispettorato del lavoro
Nel corso del 2017 sono stati organizzati corsi/seminari, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella locandina allegata presentiamo i corsi/seminari previsti fra giugno e novembre 2017.

Programma:

Ore 14.00 Registrazione partecipanti
Ore 14.30 Inizio lavori
- Breve excursus sulla nuova organizzazione dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro: cosa è cambiato nell’attività di vigilanza, quali sono le competenze acquisite e gli standard di modernizzazione che il nuovo Ente auspica di raggiungere.
- I principali interpelli in materia cantieristica: commenti.
- Accenno alla problematica degli ambienti confinati nel settore edile con particolare riguardo alla certificazione dei contratti.
Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

29

Settembre

09:00 - 13:00 

4 crediti
4 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 05 Lug 2017 - 28 Set 2017
METODOLOGIE AGILI
PRESENTAZIONE
Le metodologie agili costituiscono un approccio alla progettazione e allo sviluppo di applicazioni software che consente di abbracciare il cambiamento e viverlo come opportunità piuttosto che cercare di evitarlo.
Lo scopo del seminario è sensibilizzare i responsabili dei servizi di programmazione a questo tipo di metodologia in modo che possano valutare se proporla ai loro sviluppatori e stimolare professionisti e tecnici attraverso un’introduzione al processo di sviluppo secondo tale paradigma.

PROGRAMMA DEL SEMINARIO
Ore 8.30 Registrazione partecipanti e saluti
Ore 9.00 Apertura - Raccolta dei bisogni
Parte 1
Break
Parte 2
Q&A - Raccolta feedback
Ore 13.00 Fine lavori

CONTENUTI
? AGILE MANIFESTO: PERCHÉ AGILE
? SCRUM: IL FRAMEWORK AGILE PIÙ USATO
? KANBAN: FLUSSO DI SVILUPPO
? QUANTO COSTA UN BUG? XP SPIEGATO AI MANAGER
? LEADERSHIP
+ leggi tutto

03

Ottobre

09:00 - 13:00 

4 crediti
4 ore

corso di aggiornamento

sede dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia Iscrizioni: 29 Mag 2017 - 29 Set 2017
Aggiornamento CSP-CSE: Attività specialistica delle demolizioni. Demolizioni con macchine a bracci alti
Nel corso del 2017 sono stati organizzati corsi/seminari, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella locandina allegata presentiamo i corsi/seminari previsti fra giugno e novembre 2017.

Programma:

Ore 8.30 Rilevazione presenze
Ore 9.00 Inizio lavori
- Linee guida bracci alti (NAD & EDA) presentazione
- Esempi di demolizione con utilizzo a Bracci alti Latterie Soresina e Palazzo Enel Piacenza
Ore 13.00 Fine lavori
+ leggi tutto

05

Ottobre

14:30 - 18:00 

3 crediti
3 ore

seminario

sede dell'Ordine Iscrizioni: 28 Giu 2017 - 04 Ott 2017
RACCOLTA E RIUSO DELLE ACQUE PIOVANE E TRATTAMENTO ACQUE METEORICHE
PRESENTAZIONE
L'acqua è il simbolo della vita, della purezza. Ad essa sono state associate immagini, letteratura, simbolismi.
L’abbondanza di sorgenti, corsi d’acqua, acquiferi e infrastrutture di distribuzione rende estremamente difficile la percezione di un bene in pericolo, il cui venir meno potrebbe non essere percepito.
Fra pochi anni questo problema potrebbe manifestarsi e il recupero, trattamento e riutilizzo dell’acqua piovana e delle acque reflue può essere un’ottima soluzione da applicare, sia per quanto riguarda la riduzione dei consumi di acqua potabile che per la riduzione dei volumi scaricati in fognatura, ultimamente causa di ingenti danni a cose e persone durante gli eventi meteorici di forte intensità. In Italia non sono ancora state emanate norme UNI specifiche per la progettazione, realizzazione, manutenzione e conduzione degli impianti di raccolta e recupero acqua piovana. L’unica norma specifica che oggi esiste è la norma Tedesca DIN 1989-1-2-3-4. Si trovano poi norme o linee guida emanate da singole regioni, province e comuni ancora non presenti su tutto il territorio nazionale.

PROGRAMMA

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti
Ore 14.30 Inizio Lavori
Introduzione alle problematiche relative al trattamento dell’acqua meteoriche nei parcheggi, autofficine e stazioni di servizio e lavaggio secondo le normative nazionali D.lgs. n. 152 del 2006 e regionali (secondo le regioni) o locali. Strumenti, calcoli ed apparecchiature necessarie al trattamento delle acque per il rispetto della norma. Riferimenti:
- Decreto legislativo n°152 del 03/04/2006: norme in materia ambientale
- Decreto legislativo n°152 del 11/05/1999: disposizioni sulla tutela delle acque dall'inquinamento e recepimento della Direttiva 91/271/CEE concernente il trattamento delle acque reflue urbane e della Direttiva 91/676/CEE relativa alla protezione delle acque dall'inquinamento provocato dai nitrati provenienti da fonti agricole
- Delibera del Comitato dei Ministri per la Tutela delle Acque dall’Inquinamento del 04/02/1977: Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della L.10 maggio 1976, n°319, recante norme per la tutela delle acque dall'inquinamento
- Norma UNI-EN 1825-1: separatori di grassi - parte 1: principi di progettazione, prestazione e prove, Marcatura e controllo qualità
- Norma UNI-EN 858-1: impianti di separazione per liquidi leggeri (ad esempio benzina e petrolio) -
Principi di progettazione, prestazione e prove sul prodotto, marcatura e controllo qualità
- Norma UNI-EN 858-2: impianti di separazione per liquidi leggeri (ad esempio benzina e petrolio) -
Scelta delle dimensioni nominali, installazione, esercizio e manutenzione
Coffe break
Sistema di recupero acqua piovana per riutilizzo in uso abitativo.
L’importanza della raccolta dell’acqua piovana è ormai riconosciuta da molti anni in tutto il mondo. In Italia solo a partire dal 2007 hanno preso forma politiche che ne favoriscono la raccolta e il riutilizzo. La finanziaria 2008 – legge 244/2007, articolo 1, comma 288 – ha disposto che dal 2009 il rilascio del permesso di costruire sia subordinato, oltre che alla certificazione energetica dell’edificio, anche alle caratteristiche strutturali dell’immobile finalizzate al risparmio idrico e al reimpiego delle acque meteoriche. Già alcune regioni hanno legiferato in modo ancor più preciso, es. Lombardia, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Umbria, mentre le altre sono in fase di emanazione Approfondimento delle normative nazionali e regionali, Costruzioni e calcoli di un impianto per il trattamento delle acque piovane
Ore 18.00 Fine lavori
+ leggi tutto

06

Ottobre

10:00 - 13:00 

3 crediti
3 ore

seminario

CENTRO CONGRESSI - CENTRO FIERA MONTICHIARI (BRESCIA) Iscrizioni: 28 Giu 2017 - 30 Set 2017
TERREMOTO: TRA PREVENZIONE E RESILIENZA - sessione mattutina
Venerdì 6 ottobre, nell’ambito di REAS Salone dell’Emergenza,
viene proposto un convegno dal titolo “Terremoto: tra prevenzione
e resilienza” che ha come filo conduttore il tema della
RESILIENZA e in cui viene presentato il progetto FAMILY BAG.
È prevista la partecipazione di S.E. il Prefetto di Brescia.
ORE 9.30
SALUTI DI BENVENUTO:
Germano Giancarli, Presidente Centro Fiera
Ezio Zorzi, Direttore Centro Fiera
Andreas Züge, Direttore generale Fiera Hannover
SALUTI AUTORITÀ:
Fabrizio Curcio,
Capo del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile
Agatino Carrolo,
Comandante Provinciale Vigili del Fuoco - Brescia
Simona Bordonali,
Assessore Protezione Civile Regione Lombardia
Antonio Bazzani,
Consigliere Delegato Protezione Civile
Provincia di Brescia
Gianluigi Fondra,
Assessore Protezione Civile - Comune di Brescia
Gabriele Zanni,
Presidente Associazione Comuni Bresciani

SESSIONE MATTUTINA
ORE 10.00 - 13.00
(con possibilità crediti formativi per i Professionisti)
a. Relazione del Consiglio Nazionale Ingegneri
sulla attività in emergenza per agibilità edifici:
Ing. Patrizia Angeli, Presidente Nazionale I.P.E.
b. Presentazione dello studio della condizione limite
di emergenza realizzato per il Comune di Brescia
e finanziato da Regione Lombardia
Ing. Claudia Confortini
Coffe break – presentazione del progetto FAMILY BAG
c. Relazione del Funzionario Protezione Civile
Regione Umbria (sisma agosto 2016)
Arch. Andrea Pascucci
d. Testimonianza di un Tecnico intervenuto in Centro Italia per
rilevazione staticità edifici con schede AEDES
Geom. Domenico Cortese
e. Relazione sull’attività dei Vigili del Fuoco
nelle zone terremotate
Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Brescia
Ing. Agatino Carrolo
f. Testimonianza di un appartenente
Squadra Soccorso Alpino
Moderatore:
Nunzia Vallini, Direttore Giornale di Brescia e Teletutto
+ leggi tutto

06

Ottobre

14:30 - 18:00 

3 crediti
3 ore

seminario

CENTRO CONGRESSI - CENTRO FIERA DI MONTICHIARI (BRESCIA) Iscrizioni: 28 Giu 2017 - 30 Set 2017
TERREMOTO: TRA PREVENZIONE E RESILIENZA - sessione pomeridiana
Venerdì 6 ottobre, nell’ambito di REAS Salone dell’Emergenza,
viene proposto un convegno dal titolo “Terremoto: tra prevenzione
e resilienza” che ha come filo conduttore il tema della
RESILIENZA e in cui viene presentato il progetto FAMILY BAG.
È prevista la partecipazione di S.E. il Prefetto di Brescia.

SESSIONE POMERIDIANA
ORE 14.30 - 18.00
g. Relazione sull’attività di controllo del territorio
da parte delle Forze dell’Ordine per prevenire
lo sciacallaggio e garantire l’ordine
Interventi dei vertici
delle Forze di Polizia e Polizia Locale
Comandante Provinciale Carabinieri
Colonnello Luciano Magrini
Comandante Provinciale Guardia di Finanza
o Suo rappresentante
Questore della Provincia di Brescia o Suo rappresentante
Comandante Polizia Locale del Comune di Desenzano
del Garda Carlalberto Presicci
h. Esperienze dall’Estero:
I SISTEMI DI PROTEZIONE CIVILE NEGLI ALTRI PAESI EUROPEI
Interventi:
VfdB, Associazione dei Vigili del Fuoco e della protezione
Antincendio della Germania. ”L’infrastruttura critica”: come
gestire le forze disponibili nel caso di eventi straordinari
Claus Lange, Capo dei Vigili del Fuoco di Hannover
THW Bundesanstalt Technisches Hilfswerk,
agenzia federale di soccorso tecnico di Monaco di Baviera
“Come intervenire in situazioni di emergenza”
Tilman Gold, Referente per formazione
e metodi operativi di intervento del THW
Repubblica del Cantone Ticino. Sezione del Militare e della
protezione Civile della popolazione
“La protezione della popolazione nel Cantone Ticino”
Ten col SMG Ryan Pedevilla, Capo della Sezione
del militare e della protezione della popolazione
i. TESTIMONIANZE DI SOLIDARIETÀ
Giornale di Brescia,“Iniziativa non lasciamoli soli”
È prevista la partecipazione
del Sindaco di Gualdo, Giovanni Zavaglini
Volontario di Protezione civile
intervenuto in Centro Italia
Volontario psicologo intervenuto
presso il Sisma del Centro Italia:
“L’intervento psicologico in emergenza”
Dott.ssa Ilaria Patteri, Psicologa Psicoterapeuta
Moderatore:
Nunzia Vallini, Direttore Giornale di Brescia e Teletutto
+ leggi tutto

10

Ottobre

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

seminario

la sede dell'Ordine Iscrizioni: 19 Mag 2017 - 08 Ott 2017
LA TUTELA DEI SEGNI DISTINTIVI: I MARCHI
INTRODUZIONE
Il Seminario è la quinta tappa del “Percorso formativo in Proprietà Industriale ed Intellettuale -anno 2017”, riproposizione del Seminario già tenuto nel 2016 è alla sua seconda edizione.
Il Seminario ha come oggetto la tutela dei marchi in quanto segni distintivi dell’azienda. L’obiettivo è di fornire una panoramica dei principi generali che regolano la materia, evidenziandone gli aspetti peculiari nell’ottica dell’utilizzo e dello sfruttamento quotidiano dello strumento.
Utilizzando come punto di partenza il Codice della Proprietà Industriale, saranno analizzati in particolare i requisiti di validità del marchio in funzione delle diverse categorie di segni distintivi, i diritti conferiti dalla registrazione di marchio ed i limiti a tali diritti ed infine le principali ipotesi di violazione e tutela dei relativi diritti.

PROGRAMMA

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti

Ore 14.30 Inizio lavori

A cura del dott. Gianpiero Coccia e del dott. Andrea Rocca di (Jacobacci & Partners S.p.A.)
- Principi generali in materia di tutela dei segni distintivi
- Nozione e funzione del marchio
- Requisiti di validità
- Diritti conferiti dalla registrazione di un marchio
- Vicende del diritto
- Estinzione del diritto: nullità e decadenza del marchio
- Violazione dei diritti di marchio
- Strumenti di tutela

Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

17

Ottobre

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

seminario

sede dell'Ordine Iscrizioni: 05 Lug 2017 - 16 Ott 2017
SISTEMI E SOLUZIONI PER IL CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE ED ANTISISMICO DEI DIVISORI ORIZZONTALI
PRESENTAZIONE:
L’obiettivo è fornire i fondamentali che stanno alla base degli interventi sugli edifici esistenti, in particolar modo dove il rischio sismico conduce a delle conseguenze tecnico – economico rilevanti. In tal senso si propongono sistemi e soluzioni tecniche per il consolidamento ed il rinforzo strutturale, con maggiore attenzione agli orizzontamenti presenti nei nostri edifici e con la tecnica della “sezione composta” mediante l’impiego di soluzioni leggere. Verranno inoltre sollevate argomentazioni relative alle tipologie di intervento e loro classificazione, interazione di questi oggetti strutturali con l’intero sistema edilizio e l’importanza degli interventi volti al miglioramento dei sistemi di collegamento e impiego di materiali leggeri. Nell’ultima parte dell’intervento si andrà ad approfondire, la dinamica di interazione tra le operazioni di rinforzo strutturale negli orizzontamenti e le relazioni con i più comuni interventi di miglioramento prestazionale (per esempio quello di natura impiantistica) oggi richiesti nelle moderne esigenze di un involucro edilizio.

PROGRAMMA DEL SEMINARIO

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti e saluti

Ore 14.30 Inizio Lavori - Ing. Marco Quaini
Analisi del patrimonio edilizio esistente in Italia:
- Distribuzione del costruito e mappa di pericolosità sismica
- Ruolo degli orizzontamenti e le diverse tipologie costruttive
- Criticità di intervento
Criteri prestazionali applicati agli edifici esistenti (Cap. 8 NTC 2017)
- Concetti di rischio e pericolosità sismica
- Macro – zonazione e amplificazioni locali
- Valutazione della sicurezza e categorie di intervento
- Analisi storico – critica e diversi livelli di conoscenza
Criteri per gli interventi di consolidamento strutturale – interventi sulle partizioni orizzontali
- Solai in Legno, Acciaio, Latero – Cemento
- Solai in Laterizio Armato – Solai tipo SAP (incollaggi strutturali)
- Interventi volti a ridurre le carenze dei collegamenti
- Criticità nel comportamento dei sistemi voltati: rinfianco & riempimento
- Il vantaggio della leggerezza in copertura
- Criteri di progettazione degli elementi non strutturali
Ruolo dei calcestruzzi strutturali leggeri (LWAC)
- Definizioni, criteri di progettazione e differenze con i calcestruzzi tradizionali
- Opportunità nella nuova edificazione – vantaggi in zone ad alta sismicità
- Il ruolo della leggerezza in zona sismica
- Esempi di calcolo e case history in interventi di consolidamento strutturale
Soluzioni e sistemi oltre il consolidamento per l’alleggerimento dei solai – Ing. Rocco Ronchi
- L’isolamento termico e acustico dei solai
- L’isolamento termico Controterra e le fondazioni compensate in argilla espansa

Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto

18

Ottobre

09:00 - 13:00 

4 crediti
4 ore

seminario di aggiornamento

sede dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia Iscrizioni: 30 Mag 2017 - 17 Ott 2017
Aggiornamento CSP-CSE: Uso degli apparecchi elettrici in cantiere e cenni sugli impianti elettrici
Nel corso del 2017 sono stati organizzati corsi/seminari, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella locandina allegata presentiamo i corsi/seminari previsti fra giugno e novembre 2017.

Programma:
Ore 8.30 Rilevazione presenze
Ore 9.00 Inizio lavori
- Definizioni
- Alimentazione dell’impianto elettrico
- Prescrizioni di sicurezza
- Apparecchi utilizzatori
- Quadri elettrici di cantiere
- Spine e prese a spina
- Cavi
- Illuminazione del cantiere
- Verifiche
- Compiti dei coordinatori per gestire il rischio elettrico nei cantieri
Ore 13.00 Fine lavori
+ leggi tutto

26

Ottobre

14:30 - 18:00 

3 crediti
3 ore

seminario

sede dell'Ordine degli ingegneri Iscrizioni: 27 Giu 2017 - 25 Ott 2017
DEPURAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA
PRESENTAZIONE:
La comunità Europea ha emanato una legge che regola il trattamento degli scarichi di insediamenti residenziali e produttivi per scongiurare l’inquinamento del terreno e relative falde acquifere. A seguito di tale Direttiva è stato emanato il D.Lgs.152/99 che è stato poi unito al Testo Unico Ambientale entrato in vigore il 29 aprile 2006 con il nome di decreto legislativo 3 aprile 2006 n.152 “Norme in materia ambientale”. Anche Italia ha recepito la legge applicandola in maniera diversa sul suo territorio secondo gli organi locali. Importante conoscere i parametri necessari ad una giusta progettazione.

PROGRAMMA:

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti

Ore 14.30 Inizio Lavori

Introduzione alle problematiche relative al trattamento scarichi fognari. Normativa Europea, italiana e regionale, calcolo e verifica degli abitanti equivalenti. Differenza di calcolo da regione a regione. Riferimenti:
Direttiva comunitaria N° 91/271/CEE: trattamento delle acque reflue urbane
Direttiva comunitaria N° 91/676/CEE: acque meteoriche di dilavamento e acque di prima pioggia
Delibera 04 Febbraio 1977: norme e tecniche generali di applicazione della legge Merli del 10
Maggio del 1976 sulla tutela delle acque dall’inquinamento
Decreto legislativo 3 Aprile 2006 n° 152 norme in materia ambientale

Coffe break
Depurazione primaria e Secondaria. Vasche Settiche, degrassatore, Imhoff, Filtri Aerobici ed anerobici ed a insufflaggio aria. Descrizione apparecchiature utilizzate per la depurazione primaria e secondaria. Principi di funzionamento e normative che ne regolano efficienza della depurazione.
Dibattito

Ore 18.00 Fine lavori
+ leggi tutto

07

Novembre

14:30 - 18:30 

4 crediti
4 ore

corso di aggiornamento

sede dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Brescia Iscrizioni: 30 Mag 2017 - 06 Nov 2017
Aggiornamento CSP-CSE: Aziende distributrici di servizi pubblici
Nel corso del 2017 sono stati organizzati corsi/seminari, al fine di garantire ai professionisti la possibilità di conseguire l’aggiornamento del quinquennio. Nella locandina allegata presentiamo i corsi/seminari previsti fra giugno e novembre 2017.

Programma:
Ore 14.00 Registrazione partecipanti
Ore 14.30 Inizio lavori
- Caratteristiche (costruttive, gestionali, d’appalto) delle condotte per servizi pubblici (acqua, gas, teleriscaldamento, fognature, energia elettrica, eccetera),
- Caratteristiche peculiari di tali opere,
- Modalità di valutazione tecnico-professionale delle imprese addettevi,
- Piano di sicurezza e di coordinamento e fascicolo tecnico per tali opere,
- Valutazione dei rischi tipici di tali opere (scavi, segnalamento temporaneo, ordigni bellici inesplosi, altri rischi),
- Modalità di visita in cantiere da parte del CSE.
Ore 18.30 Fine lavori
+ leggi tutto